64020 Canzano TE, Italia

Il Borgo di Canzano

Team TnP

Il borgo di Canzano nel territorio teramano è un vero e proprio spettacolo d’incontro tra tradizione e cultura.

Posto tra le dolci colline a ben 448 metri sul livello del mare, il borgo guarda il Mare Adriatico dando le spalle al Gigante che dorme (Gran Sasso), regalando una panoramica degna delle migliori cartoline.

L’aria che si respira è pura e tranquilla. Canzano si sviluppa tutt’intorno alla piazza centrale che è ornata a cerchi concentrici dai vecchi palazzi in pietra, dal quale è possibile catturare scorci di una bellezza mozzafiato.

Luigi Ercole, nel 1804, descrive così il borgo di Canzano: 

“Terra sita alla sommità di un’alta collina, ch’è un duro masso Selcioso, tra i due fiumi Tordino e Vomano. L’aria vi è sana, ma stemperata per la sua elevatezza. È distante al Nord-Ovest da Teramo cinque miglia. Il territorio è molto fertile specialmente a grano, vino ed eccellenti frutta.” 

(Luigi Ercole, Canzano, in Dizionario topografico alfabetico portatile della provincia di Teramo, Teramo, Berardo Carlucci, 1804, pp.20-21.)

I siti da visitare a Canzano sono:

  • Chiesa della Congrega del Santissimo Sacramento, detta anche di San Biagio in memoria dell’antica chiesa medioevale che fu la parrocchia del paese e che venne demolita nel 1924. L’attuale edificio è locato nella Piazza Risorgimento, è di epoca settecentesca, e al suo interno sono custoditi alcuni reliquari lignei tra i quali quelli di S. Biagio.
  • Il Torrione e le Mure Medioevali. Il Torrione risalente al XV secolo è situato all’interno del centro abitato. La struttura a pianta circolare, si allaccia ai resti delle mure medioevali, voluta e costruita dalla famiglia Acquaviva nel XIV secolo.

canzanotnp

 

  • Chiesa di San Salvatore, la chiesa si trova appena fuori al centro abitato è locata nei pressi della zona cimiteriale, è in stile romantico e precedentemente faceva parte dell’omonima abazia dei padri benedettini, ormai scomparsa.

canzanotnp1

  • Chiesa della Madonna dell’Alno. Fu edificata nel 1480, in seguito ad un’apparizione della Madonna nei pressi di un ontano, che manifestò ad un contadino del luogo il desiderio della costruzione di una chiesa dedicata a lei. Oggi la chiesa è il centro di preghiera canzanese, effettivamente nel 1592 fu intitolata alla Madonna dell’Alno.

Nel rispetto della tradizione popolare abruzzese, di certo, non manca quella culinaria. Il tacchino alla canzanese è il piatto che meglio rappresenta questo luogo. La ricetta antica, tramandata da generazioni in generazione, se scrupolosamente seguita, regala una pietanza ricca di sapore e gusto.

Inoltre, come si legge all’ingresso di Canzano, questo borgo è conosciuto per la tradizione del ricamo e del  merletto. Quest’arte ancora oggi esercitata, è motivo di orgoglio per le donne del paese, le quali , ricamano vere e proprie opere d’arti.

 Soggiorna a Canzano , è il luogo ideale per poter staccare la spina dalla routine quotidiana, una rilassante evasione in un posto unico, a contatto con la natura!

ph. viaggioinabruzzo.it

Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SHARE

Il Borgo di Canzano