Bologna, Italia

Arte Fiera Bologna 2017

Emanuela Faiazza

L’arte moderna e contemporanea di nuovo in scena a Bologna.

Il nuovo anno è appena iniziato ed è già ricco il calendario di appuntamenti con i grandi eventi che ruotano intorno al variegato mondo dell’arte e che vedono il susseguirsi di mostre dedicate a celebri protagonisti della contemporaneità e a famosi maestri del Novecento o del passato.

La kermesse che inaugura una stagione tutta incentrata sul singolare universo artistico è Arte Fiera Bologna  che conferma la propria identità di fiera d’arte italiana maggiormente consolidata e ricca di storia. Giunta alla sua 41esima edizione, si svolgerà dal 27 al 30 gennaio 2017 nei padiglioni di BolognaFiere. E con la nuova direzione affidata ad Angela Vattese , storica dell’arte che nella sua carriera ha alternato l’attività accademica alla direzione di musei e fondazioni, il salone di arte moderna e contemporanea più longevo d’Italia garantisce importanti e significative novità.

La prima riguarda la veste grafica, completamente rinnovata, e un logo nuovo in cui il nome della manifestazione è inserito in un cerchio e arricchito da variazioni sul tema che hanno per soggetto la natura. Una soluzione che mette in evidenza ciò che da sempre contraddistingue il fare artistico: da un lato la natura nelle sue molteplici forme, dall’altro la capacità umana di circoscriverla e ripensarla, accettandone con flessibilità mentale anche i lati più perturbanti.

Sarà una fiera più compatta rispetto alle versioni precedenti, ossia con meno espositori e con contenuti più corposi, in cui le opere d’arte saranno presentate con l’attenzione del curatore di una mostra e non come un allestimento pensato per la sola vendita. 133 infatti saranno le gallerie coinvolte nelle due sezioni principali: Main Section e Solo Show. A queste poi si sommeranno gli otto espositori della parte dedicata alla sfera indipendente della Fotografia, linguaggio a cui oggi occorre prestare la dovuta attenzione, e una selezione di nuove proposte nella sezione denominata Nueva Vista. Quest’ultima in particolare proverà a mettere a fuoco, all’interno di una fiera commerciale, il punto di equilibrio tra discorsività e vendibilità di ricerche artistiche emergenti.

Ad accogliere il visitatore di Arte Fiera 2017 ci sarà poi anche un nuovo Bookshop, Printville, uno spazio innovativo che propone libri rari da consultare accanto a una scelta più consueta di testi o cataloghi d’arte. Si tratta nello specifico di produzioni che provengono per la maggior parte da editori indipendenti che, in genere, lavorano in piccoli team e con tirature di stampa che raggiungono al massimo i 500 esemplari.

Continuando sulla scia di questa interessante ricerca e interazione tra linguaggi diversi, si inseriranno inoltre all’interno della copiosa kermesse di gennaio anche Agenda Indipendents, un’esposizione che presenta le opere di Franco Ariaudo, Alessandro Calabrese, Stefano Canto, Feng Chen, Kenta Kobayashi, Giuseppe De Mattia, Pedro Hernandez, Joanna Piotrowska e Alberto Sinigaglia; un’iniziativa che nasce dall’incontro tra alcune gallerie italiane e internazionali, accomunate da una stessa particolare sensibilità e attenzione nei confronti della fotografia e dei suoi recenti sviluppi. Si conclude infine con la mostra GENDA – The Body As Packaging, un progetto editoriale indipendente: è una rivista con una doppia redazione in Cina e in Italia che raccoglie i contributi di artisti cinesi e occidentali per produrre e verificare l’esistenza di un reciproco dialogo tra le varie espressioni d’arte.

Insomma c’è uno spirito nuovo e una grande energia dietro a questa manifestazione che si configura come occassione di riflessione, attraverso l’arte moderna e contemporanea, su temi e linguaggi di sorprendente attualità. E secondo me quest’anno vale la pena coglierla, questa bella occasione.

Emanuela Faiazza

Commenti

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SHARE

Arte Fiera Bologna 2017